I Barbapapà tornano su Rai Yoyo e su Rai Play con una nuova serie

Su Rai Yoyo a partire da lunedì 12 aprile è in arrivo una nuova serie dei Barbapapà.
I Barbapapà, personaggi colorati diventati un vero e proprio cult, protagonisti di una serie tra le più amate, hanno accompagnato intere generazioni dagli anni Settanta ad oggi, con la capacità di trasformarsi in qualsiasi cosa e l'amore per l'ambiente.

Il nuovo cartone di Barbapapà è in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì alle 7.20 e in replica tutti i giorni alle 15.55 e dalla domenica al venerdì alle 20.50. Ogni giorno andrà in scena un doppio episodio e in anteprima esclusiva su RaiPlay da sabato 10 aprile ci sarà il boxset dei primi 26 episodi.

Rai Ragazzi presenta la nuova serie di 52 episodi da 11 minuti dal titolo Barbapapà – In Famiglia, prodotta dalla francese Normaal con la partecipazione di TF1 e Nickelodeon, che mette di nuovo in scena la vita quotidiana di questa insolita famiglia nata nel 1970 dalla francese Annette Tison e dallo statunitense Talus Taylor. Un nuovo adattamento animato, scritto, diretto e messo in musica da Alice e Thomas Taylor, i figli della coppia di creatori.

Barbapapà – Una grande famiglia felice rimane fedele allo spirito dei Barbapapà che è stato alla base del successo: l'audace originalità e inventiva di un universo che ha racchiuso l'essenza dello spirito degli anni '70. Personaggi gentili, liberi e gioiosi, dalle forme tonde e colori pop che hanno scelto di vivere in campagna.

Fin dall'inizio, Talus Taylor si è assicurato che i Barbapapà fossero pionieri della consapevolezza ambientale. I libri affrontavano il tema dell’inquinamento e spiegavano il concetto emergente di energia rinnovabile. Quanto a Annette Tison, non permise ai suoi personaggi di vivere in un grattacielo, ma inventò un'abitazione ecologica alternativa creando la loro famosa casa a forma di bolle.

Dopo la scomparsa di Talus Taylor nel 2015 e dopo oltre 250 libri illustrati tradotti in oltre 30 lingue ideati con la moglie Annette, il testimone è ora passato ai loro figli. Per Alice e Thomas Taylor, allegria, creatività, apprendimento, ecologia e tolleranza sono valori che ogni epoca deve conoscere per condividerli.

I Barbapapà sono personaggi buffi, ognuno di un diverso sgargiante colore, nati per caso dall’espressione barbe à papa, in francese “zucchero filato”, ascoltata a Parigi da Talus Taylor quando sentì un bambino chiedere ai suoi genitori qualcosa che suonava come "baa baa baa baa" e, non comprendendo il francese, chiese a quella che sarebbe diventata sua moglie il significato. Un nome perfetto, pieno di "p" e "b", le consonanti che i bambini di tutto il mondo pronunciano per prime.

Nasce così Barbapapà, rosa come una nuvola di zucchero filato, e la sua celebre frase che accompagna ogni trasformazione, diventata un vero e proprio tormentone della serie originale: Resta di stucco, è un barbatrucco!. Parola quest’ultima che ha introdotto nella lingua italiana il celebre neologismo per definire un espediente ingegnoso, un abile stratagemma per risolvere un problema, l’eccezionale particolarità dei Barbapapà.

Al primo personaggio, si aggiunsero Barbamamma (nera) e sette barbabébé, ognuno con una sua caratteristica: Barbabella (viola), regina di bellezza, aggraziata, narcisista e affascinante; Barbaforte (rosso) appassionato di sport, energico, temerario e fantasioso; Barbalalla (verde) musicista sensibile e di talento; Barbabarba (nero e peloso) artista ispirato, ostinato e inventivo, Barbottina (arancione) intellettuale intelligente, ribelle, bohémien, Barbazoo (giallo) amico degli animali gentile, sognatore, premuroso, generoso, e Barbabravo (blu) scienziato curioso, innovativo e impulsivo. Senza dimenticare la goffa Lolita, la simpatica cagnolina a macchie della famiglia.

Le prime due serie animate realizzate in Giappone nel 1974 e nel 1977, alle quali se ne aggiunse una terza nel 1999, vennero trasmesse in Italia a partire dal 1976 su Rai2, diventando il primo cartone giapponese a sbarcare nel nostro paese.

La nuova serie dei Barbapapà, prodotta in Europa e incentrata sulle avventure dei Barbabebé, mantiene la miscela originale di forte impatto visivo e affabile gentilezza. La serie è realizzata in animazione tradizionale che beneficia delle possibilità offerte dai nuovi strumenti del moderno 2D per la produzione di questa nuova immagine per gli anni 2000.

E poiché i Barbapapà sono sempre state creature contemporanee, la piccola Barbalalla ascolta la musica dal suo telefonino, Barbabravo non alza il naso dal joystick dei videogiochi e il sogno di Barbabella è di ricevere un tablet per Natale. Eppure, i Barbapapà amano la loro vita circondati dalla natura, vivendo al ritmo delle stagioni. Apprezzano le cose semplici e il divertimento perenne assicurato dalla musica, dal disegno, dal gioco all'aperto...

Abbiamo parlato di:
Condividi sui social