Brescia a fumetti su Topolino con una storia omaggio alla Vittoria Alata

Sul nuovo numero di Topolino, il 3391, in edicola mercoledì 18 novembre 2020, c'è una storia in omaggio a Brescia. In Topolino e l'avventura della Minni Alata, si celebra il restauro della Vittoria Alata, la scultura ricca di storia che si potrà presto tornare ad ammirare a Brescia.

In Topolino e l’avventura della Minni Alata (scritta e sceneggiata da Roberto Gagnor e disegnata da Valerio Held), Trudy e Gambadilegno entrano al Museo di Santa Giulia di Brescia per compiere un furto, ma restano in ostaggio di un ologramma didattico che racconta la storia della preziosa Minni Alata e che farà fare ai due ladri un viaggio nel tempo, dall’antica Grecia, passando in epoca romana fino ad arrivare ai giorni nostri, attraverso i racconti delle peripezie vissute dalla nike.

La storia della Minni Alata prende spunto, dunque, dalla Vittoria Alata, una splendida statua di bronzo che ha circa duemila anni, arrivata a Brescia durante l’Impero Romano e rinvenuta nel 1826 nel corso degli scavi archeologici del tempio romano.

Il ritrovamento diede una nuova vita alla statua, facendosi apprezzare dai visitatori di tutto il mondo e diventando musa ispiratrice di artisti e poeti. E ora, un recente attento restauro ne ha rinvigorito la bellezza, che presto si potrà ammirare in un nuovo e moderno allestimento all’interno del Capitolium di Brescia, ridisegnato da Juan Navarro Baldeweg, architetto spagnolo.

Fondazione Brescia Musei e il Comune di Brescia, promotori insieme alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Province di Bergamo e Brescia del restauro condotto dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, inoltre, per sottolineare l’importanza del progetto, hanno annunciato la donazione di una copia del numero 3391 di Topolino a tutti i bambini della scuola primaria e infanzia di Brescia.

Abbiamo parlato di:
Condividi sui social